-demo- Obituary of Will Smit

Home/News/-demo- Obituary of Will Smit

-demo- Obituary of Will Smit

Name Surname
Name Surname
Mayor of city, Agricultur, teacher of song
  • San Ferdinand church, road 54, Paris

  • 16/september time 16:30 pm

  • Cemetery of Paris central street Via condotti 45, 18:40

  • Reception and services

La lingua dell’Odissea mescola forme appartenenti a diversi dialetti greci. Le forme attiche sono decisamente minoritarie e si possono probabilmente spiegare come modificazioni effettuate nella redazione di Pisistrato, le forme eoliche e ioniche, invece, sono entrambe molto presenti, anche se con una predominanza delle seconde. Il dialetto ionico è tradizionalmente la lingua dell’epica, quindi le molte proposte avanzate hanno tentato di spiegare soprattutto la consistente presenza dell’eolico: quella con più seguito accademico sostiene che le forme eoliche possano essere spiegate da ragioni quasi esclusivamente metriche e poetiche.

L’Odissea è ricca di formule, ovvero espressioni usate in sedi metriche fisse per esprimere un’idea essenziale, secondo la definizione di Milman Parry (gli esempi tipici potrebbero essere l’astuto Odisseo o Aurora dalle dita rosate). Queste formule, oltre ad essere poetiche, ci mostrano l’originaria natura orale dei poemi: sembra infatti che aiutassero gli aedi a comporre i loro canti improvvisandoli su richiesta dell’uditorio.

L’Odissea è anche stata vista come l’archetipo del romanzo, in quanto racconta dall’inizio alla fine la vicenda scelta, senza lasciarsi troppo distrarre, per così dire, da eventi secondari e non strettamente correlati alle avventure di Odisseo.

È da segnalare, infine, che la suddivisione in 24 libri non risale alla redazione di Pisistrato. Furono infatti i filologi alessandrini a suddividere i due poemi omerici in 24 capitoli e ad assegnare ad ogni capitolo una lettera dell’alfabeto greco (composto da 24 lettere, appunto) maiuscole per l’Iliade e minuscole per l’Odissea.

About the Author: